il mio primo incontro con monica

ululato da Pralina alle ore 00:36 giovedì, 11 gennaio 2007

Postilla al Post. Ieri Viss mi ha dedicato delle parole bellissime nel suo blog eccole: “Il quarto regalo è stato un libro scritto da Pralina una bionda esplosiva e tanto grintosa sul suo blog, quanto dolce e tenera e burrosa nella vita. Ho trascorso con lei il breve tempo della sua trasmissione radiofonica e quando sono uscita avrei voluto metterla nel bauletto del mio nuovo scooter e portarmela a casa.
Tre donne quest’oggi che mi hanno commosso per la loro generosità così riservata, la loro fragilità nascosta e per la loro pudica femminilità ricca di quelle sfumature emotive di cui solo le donne riescono ad esserne così sfacciatamente prodighe.”
, oggi Monica… mi sto montando la testa oppure monterò solo la panna?

Ieri pomeriggio, mercoledì 10 ho incontrato Monica Marghetti, che ben le sta il tag “un sogno da mora”, la bruna fautrice conduttrice del blog omonimo. Sono andata a prenderla alla stazione di Santa Maria Novella.

La prima cosa che le ho detto “Che buon profumo hanno i tuoi capelli” sapevano di albicocca. Ho visto Monica come un’albicocca, con un buon profumo e una bocca carnosa e rossa come un frutto, anche se non gliel’ho detto. Ma l’ho respirato intensamente.
Mi ha messo un anello al dito, a quel punto ho pensato “Oddio sono fottuta, anche l’anello, il prossimo passo sarà il matrimonio”, ma non ho osato contraddirla perché l’anello aveva simpatiche amestiste che mi piacciono molto.
Siamo andate a mangiare (si dice bere in questi casi?) due fantastiche ma carissime cioccolate in tazza (in tassa) con doppia panna in un caffé di Piassa della Signoria. Il nostro tavolino è stato assalito dai piccioni a caccia di blogstar. Momenti di panico come nel film di Hitchkock. Il piccione più grosso, dallo sguardo simile funzionario della RAI, è riuscito a rovesciare il vassoietto con gli ultimi tre pasticcini rimasti e, folle di gelosia, ha gettato per terra anche il libro di Monica “Voglio urlare”.  
Monica in versione Puffo doganiere ha detto “io odio i piccioni”, io ho suggerito al cameriere di preparare la teglia per farli arrosto. Il cameriere con uno sguardo tra il desolato e il complice, mi ha detto “Hanno il permesso di fare ciò che vogliono, guai a chi li tocca”.
Un altro piccione con il cartellino “Nessuno tocchi Colombino” è salito sul tavolo, per farmi vedere il culo (aveva le mutande Dolce e Gabbiana), a quel punto i miei discorsi sdolcinati su B. e tutte le cosine cicicicicicicicicicì gnegnegnegnegnegnegné che ero in trein de dire con la Moni, si sono interrotte in un “Io a questo gli tiro un sberla” e il mio tono è improvvisamente cambiato, mi sono trasformata in uno scaricatore di porco.
 
 
 
Ci siamo alzate e siamo andate a fare elettro-shopping in un negosio di calse (scusate la pronuncia franco-romagnola), la Moni mi ha comprato tre collant da figa di quelli da portare con la minigonna o anche niente e un numero imprecisato di calsini, cercando di non farmi scegliere i più tamarri, insomma mi ha regalato tutto questo, perché alla cassa (cazza) ho cercato di impietosirla con discorsi tipo “Quand’ero piccola mia mamma mi faceva vestire come una tedesca e la gente mi guardava con bocù de compassione” oppure “Quand’ero piccola mia mamma mi comprava solo le mutande ascellari di Fantossi”, che poi è anche vero e sono traumi che vanno in psicanalisi per anni, ma lei è troppo buona e mi ha fatto questo bel regalo.
Capite com’è generosa questa donna!
Poi alla stasione, ancora risate, pensieri seri, ricordi belli e brutti, attimi di sdegno e di commosione. Monica che mi prende per le spalle per farmi degli esempi e mi urla delle cose in faccia tipo “Ma oooooooh, ma gli ho detto ma oooooooh, ma sei di fuori???”, che la gente dice “Oh ma i’ che la fanno quelle due?”.
Una bellissima giornata, sono davvero felice di avere conosciuto una blogger vera.

voglio_urlare copertina finale
 
Piazza Signoria

 

Oggi  ho potuto abbracciare un’amica!!!

Una donna bella, simpatica molto dolce ,sono arrivata a Firenze e puntuale lei mi aspettava.

Le sono corsa incontro come si fa con un innamorato che non vedi da tanto tempo!

Un bella sensazione di buono di quelle che piacciono a me!

La prima cosa che mi ha detto è stata :” che buon profumo fanno i tuoi capelli, fammeli sentire ancora!”E  felici camminare per il centro, parlando, ricordando le nostre telefonate fiume eheheh e anche le nostre lacrime (lo sapete le donne piangono spesso).

Ed eccoci in Piazza della Signoria in un Bar con tavolini all’aperto oggi c’era il sole!

Ordinazione per cuori golosi e innamorati dell’amore, due cioccolate con doppia panna e biscotti al cioccolato!

È stato un pomeriggio stupendo  passato con una bella persona ….

Grazie PRALINA:)))))

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...