lettera a un’asmatica simpatica

ululato da Pralina alle ore 18:13 lunedì, 18 febbraio 2008

<<Pralina cara, non sono d’accordo con te. Tu sei bella, d’accordo non sarai la più bella del mondo, ma sei gradevole e piacevole, sei una donna normale, un po’ nordica (tosta) e un po’ mediterranea (rotonda), ti prego non lasciarti condizionare dalle battute che ti fanno sempre sulla dieta, sono problemi di tante persone ma non tuoi.
Ti vedo per quella che sei e ti amo, sei buffa e in certi momenti, sei stupenda nelle tue espressioni, perché sembri una bambina.
In questo momento stai combattendo la tua battaglia per l’aria, e non per il cibo.
Mentre altri sono seduti a cena davanti a un piatto di lasagne o di nascosto in piedi la notte fonda davanti al frigo a spalmarsi di pane e nutella, mentre si tormentano di sensi di colpa per quello che hanno nello stomaco e mai in testa e promettono a tutto il mondo che da domani si metteranno a dieta, tu sei coi gomiti puntellati alla finestra per la tua asma cronica che cerchi un po’ di sollievo con l’ossigeno che riesci a “mangiare” e sai che anche questa sera, per riuscire a dormire, ti dovrai sparare in corpo una fiala di cortisone. E sai che per fare colazione domani, dovrai respirare a sufficenza, e che (prima) respirare e (poi) mangiare non sono due cose scontate.
Ti conosco da una vita e ti assicuro che non sei molto ingrassata da quando avevi 24 anni, anzi sei persino dimagrita da allora.
E quei 6 chili, solo 6 chili che hai preso durante la gravidanza, perché amavi più la vita che ti riempiva e che ti faceva ingrossare, e ad altro non pensavi… perché per te il cibo è gioia, amore, luce, vita, necessità, forza, energia, è la madre terra e il fuoco che ti riscalda, è il tramite che ti lega a un sorriso, il piacere di stare in compagnia, lo scambio di parole davanti a un piatto e ad un bicchiere, e altro non è. Non vivi per mangiare, vivi per respirare.
Manda a culo tutto, Pralina, soprattutto i sensi di colpa che non ti appartengono, quei chili in più che ti senti o che ti fanno sentire non ce li hai perché sei sfondata di lardo, ce li hai per la tua storia che è fatta anche di farmaci contro l’asma, e ce li hai anche perché sei una vera donna con le tue abbondanti forme generose, lascia che la parola dieta vaghi nella testa di chi non ha altro a cui pensare, e vola libera e leggera, non fuori da quella finestra come spesso pensi, ma dentro la vita.>>
 

 Il tuo specchio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...