lettera a un passerotto

ululato da Pralina alle ore 15:18 venerdì, 12 ottobre 2007

Ciao tenero. Se per caso leggessi questo blog (ma è molto difficile) capiresti che sto scrivendo proprio a te… volevo dedicarti il post di oggi.

Per ringraziarti di tutto quello che ci siamo dati, e delle tue lettere, che per stupida ironia della sorte sono andate distrutte con un virus al mio pc.

Di tante storie e storiellette, che mi hanno lasciato piena di rabbia e di belle pagine di letteratura, avrei preferito tenere le tue e non quelle di pinco e pallino. Perché anche se non scritte da un sommo poeta, da un artista maledetto o da un menestrello angelicato, almeno erano semplici e sincere.
E in quel momento della mia vita, attraverso le lacrime di gioia che hanno sciolto il ghiaccio intorno al cuore, mi hanno dato delle emozioni indescrivibili.
 
Prendersi è facile, e lasciarsi non lo è per niente.
Le storie d’amore o di sesso e tenerezza sono destinate a finire quasi sempre (a meno che non si trasformino in qualcos’altro, convivenza o matrimonio oppure amicizia).
 
Le storie si lasciano degli strascichi pesanti dietro. Strascichi che nessuno vorrebbe portare ma tutti si sentono obbligati a farlo.
Non si capisce come mai, ma la fine di una relazione si porta dietro tutta l’immondizia che abbiamo nel cervello. Come quei grumi di detriti che per le correnti dell’aria e dell’acqua si formano attorno a un semplice filo diritto.
Perché l’amore (o quello che è) quando finisce, a volte può diventare una guerra. Una guerra dalla quale nessuno esce vinto o vincente, ma tutti coglioni, eppure proprio non si può fare a meno di combatterla.
E allora come in guerra si formano le fazioni e gli amici dovrebbero allearsi con la nostra frustrazione.
 
Mi fa onore che qualcosa nella mia vita sia finito bene. Bene non significa senza ferite e senza sanguinare, che purtroppo questo è il prezzo della metamorfosi dei rapporti umani (quanto è difficile cambiare pelle)… bene significa con dignità, con lealtà reciproca e con amicizia sincera.
 
E’ tutto quello che posso donarti e che posso pretendere da te.

E’ così incredibilmente leggero, che il mio cuore vola come una piuma oggi.

Augh.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...