una danza di rondini nella sera

A PRALINA
 
Amo la tua dolcezza materna,
quel tuo incedere elegante,
intimidito dal mondo, ferito,
silenzioso camminare
come a non esistere,
a non comparire troppo.
Rasenti il muro con passi felpati
misuri l’ora, ti svaghi, voli via.
Concreta e nello stesso tempo assente,
come aria che mulinella intorno,
una danza di rondini nella sera.
Sei una buffa donna,
un po’ bambina, un po’ clown
i capelli sempre arruffati
sono quelli che amo di meno
però il respiro lieve sotto al petto
il respiro che alza i seni appena
è bello
com’è bello semplicemente vivere.
Amo i tuoi piedi e le tue mani,
mi piacciono anche i segni del tempo, perché
sono pagine e pagine della tua vita.
Mi piace la luce dei tuoi occhi,
Pralina, Pralina amore mio, sei bella
lo sei anche quando e soprattutto quando
lo sei senza trucco perché
la tua faccina diventa esile
e troppo pallida
ma gli occhi sottili
sono come lame, gocce di luna
stille d’acqua luminose.
Amo le tue labbra sensuali
che ho ritrovato in Spagna
e il taglio dei tuoi occhi
che non vedrò mai in Mongolia.
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...