le persone normali

ululato da Pralina alle ore 00:27 mercoledì, 26 dicembre 2007  

Spesso mi capita di parlare con mio figlio, che è un ragazzo molto sveglio e perspicace, di fatti che capitano e che vengono riportati dai mass media… recentemente abbiamo parlato dell’insistenza dei mass media a definire certi assassini persone normali.
 
Il ragioniere irreprensibile che taglia gli zii e li butta nella scarpata, la bella faccia pulita di quel ragazzo che solo saltuariamente aveva il vizietto di andare sui siti pedofili, il laureando fuori corso che abita coi genitori ottantenni, il fidanzato che si nasconde dietro al papà, quello che “tutto casa e famiglia” ma poi si scopre che ha una collezione di armi in garage (ma era tutto in regola), l’ingegnere che mette l’esplosivo negli ovini kinder, la mammina che ama i suoi figli e quasi quasi si fa mettere di nuovo incinta dopo averne ammazzato uno a padellate in testa.
 
Ma irreprensibile perché, mi domando! Ma i criteri di “irreprensibilità” da chi e da cosa sono stabiliti? Dal colore della pelle e dei capelli? Dal numero di volte che una persona si lava? Dal modello della macchina? Dal conto in banca? Dal fatto che frequenta una parrocchia, che va a messa la domenica? Dal fatto che non parla con nessuno?
Cioè, secondo voi, una persona che non parla con nessuno, che si veste in un modo anonimo, che ha una vita affettiva sterile e che conduce una “vita riservata” (una non-vita, una morte vivente) o che addirittura ha dato segni di squilibrio mentale in passato, è una persona irreprensibile?
 
L’altra sera mi capita di sentire con rabbia e con sgomento la notizia di quella povera figliola uccisa e tagliata a pezzi. Lo speaker dice “era un uomo normale…” tranne che per alcuni piccoli particolari insignificanti, teneva la casa in un ordine maniacale e aveva partecipato a un sequestro a scopo sessuale.
 
Aveva partecipato a un sequestro a scopo sessuale… normalissimo direi no?

Mio figlio ha detto “Eeeeeeeh, come no! Certo, un fiore di normalità”.
“Ma che cosa significa essere una persona normale secondo te?”
“Mamma, tu ad esempio NON sei una persona normale”
“Vorresti dire che non potrei mai fare schifezze del genere?”
“Esattamente, lo escludo nel modo più assoluto”.

 

Annunci

3 risposte a “le persone normali

  1. Tuo figlio ha ragione, se poi conoscesse me…….

  2. alessiaelemillebolleblu

    Io credo che siamo finiti per tollerare l’intollerabile per riabilitare il non riabilitabile. Certe cose a dispetto di certo perbenismo vanno chiamate mostruosità.

  3. è proprio così… purtroppo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...