i sette peccati capitali

* un vecchio divertissement per parlare dei propri peccati, e chi è senza peccato scagli un cono gelato!

Il partecipante a questo gioco pubblica un nuovo post nel proprio blog intitolandolo “i 7 peccati capitali” e scrivendo il proprio pensiero riguardante ognuno dei vizi. I bloggers invitati a partecipare, riporteranno questo regolamento nominando altri 7 giocatori ai quali passare il test. Non bisogna dimenticare di avvertire i prescelti tramite il commento obbligatorio “Vieni a leggermi… e a confessare i tuoi peccati”.

Accidia: Rispondo con un motto di Jerome K. Jerome “Il lavoro mi piace, mi affascina. Potrei starmene seduto per ore a guardarlo.” … che altro dire di più vero?
Lussuria: Onestamente non so che rispondere. Non me la ricordo. Cioè, ricordo me stessa quando ho avuto la possibilità di essere lussuriosa, ricordo che gli uomini scappavano terrorizzati davanti alla richiesta non tanto e non solo di farne una quarta di fila, ma di avere conferme e attenzioni tutte per me… ricordo segreterie telefoniche sempre inserite, lettere d’addio con frasi del tipo “sei una creatura meravigliosa, ma ho sbagliato a concedermi ed ora ne pagherò le conseguenze” e cose del genere.
Ira: Non mi altero quasi mai, tranne quando mi fanno veramente incazzare. Sono portata al perdono, ma se mi fanno perdere divento vendicativa, e crudele. Ma la mia cattiveria (quasi sempre) si esaurisce in una serie di fantasie su come ammazzare la persona che mi ha ferito. O su come questa possa accidentalmente morire per cause indipendenti dalla mia volontà (è il risultato di ira e pigrizia insieme).
Invidia: Provo molta invidia delle donne che hanno la fortuna d’avere un compagno e si permettono pure il lusso di disprezzarlo, snobbarlo, tradirlo e mandarlo a cagare.
Gola: Quale sapore devo sputare per primo? Va bene: dolce. Amo i dolci, ma che non siano troppo dolci ma un po’ amari o acidi. Marmellata di limone, torta di ricotta, yogurth. Ma soprattutto amo il sapore piccante. E la summa della mia perdizione potrebbe chiamarsi cioccolato fondente amaro con il peperoncino.
Avarizia: Non ne ho mai sofferto, non so che cosa sia. Ho talmente le mani bucate, che devo stare attenta a lavarmi le mani per non sprecare troppa acqua.
Superbia: Superba? No, se vuol dire anche arrogante. Non pretendo che gli altri ammirino i miei difetti, perderei proprio di dignità. Di uomini (e donne) pallone gonfiato ne ho conosciuti tanti, l’unica voglia che ho è quella di prendere un ago e di fargli fare un botto. No, piuttosto sono orgogliosa. E tenace. E cogliona. E così da queste tre prerogative, nasce il termine… tergogliona, che mi sta benissimo.
Grazie a un ipotetico dio che non ha ancora manifestato agli umani la sua grandezza, così da non potersi dimenticare che siamo tanto piccoli, c’è inoltre un ottavo peccato capitale: Ironia.

Passo il testimone a

Lavorini * NgawiD * Eliselle * Tinapika * Hobbs * Tony Rucola * Decablog

 

Annunci

2 risposte a “i sette peccati capitali

  1. Questa, se permetti, me la rivendo, pur non essendo stato chiamato in causa… 😀

  2. Era un vecchio post del 2006 ma non credo che abbia una scadenza, o almeno a mangiarlo non si rischia nulla… certo, grazie Mauro, un grande abbraccio!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...