una giornata di sole

Questa appena trascorsa, a Firenze c’è l’alta pressione – praticamente una quasi primavera – forse inquietante per gennaio, ma è piacevole passeggiare, la luce giallastra bacia le case e gli alberi, mentre le luminarie natalizie che addobbano la città non sono ancora state riposte negli scatoloni e forse non lo saranno per ancora per qualche giorno vista la pigrizia o la risparmiosità dei fiorentini (qui le cose se le fanno durare due volte). Oggi ho incontrato un vecchio amico, una persona che conosco da 25 anni, un vero pozzo di scienza con cinque lauree non so quante lingue parlate fluentemente e che per me è un po’ come un “sorello”, è in partenza per la Turchia dove andrà a esercitare la sua professione. Abbiamo parlato tanto, in un caffè davanti a un semifreddo di mousse al cioccolato e un cannolo siciliano, le nostre esperienze di vita e le cose che sono successe, anche lui ha passato un periodo disastroso per l’amore, e con grossi problemi di salute, ma ha avuto il coraggio di uscirne a quasi 60 anni ha ancora la voglia di mettersi in discussione, ritentare la fortuna da qualche altra parte, senza legami sentimentali, senza troppe sicurezze che ti imprigionano le scelte. In un territorio dove l’unico bagaglio valido è la tua conoscenza e ciò che sei in grado di trasmettere agli altri, e non ciò che ti affanni a dimostrare. Sentire il coraggio e la voglia di vivere di certe persone è esaltante, sentire il loro attaccamento alla vita, l’innamoramento della vita che va oltre l’accanimento della sfortuna, è una cosa bellissima, sublime, quando l’esistente intorno è generalmente così “mortifero”. Sono tornata a casa raffreddata (per il solito problema stagionale) ma riscaldata dalle sue parole e dall’entusiasmo, e forse anche dalle immagini di questa città che amo, i suoi cieli solcati da colori incredibili nel tramonto.

Annunci

15 risposte a “una giornata di sole

  1. l’amicizia è un sentimento grande e nobile, un amico ti rincuora, ti sostiene e ti difende; a volte ti offende ma lo fa solo per avvisarti di un pericolo.al quale vai incontro.
    L’amicizia è altruista, l’amore è egoista, prende e se restituisce lo fa per tornaconto.

  2. Ciao, non sono completamente d’accordo che l’amore sia egoista, non l’avevo vissuto sempre così, ho fatto 4 anni di vita monastica e sacrifici enormi per seguire il mio povero compagno carcerato in cambio “soltanto” delle sue parole, di qualche bacio e carezza “rubati” perché ci impedivano anche questo. E’ lì che ho capito quanto è potente l’amore se sincero. Sono una persona che quando ama, ama con tutta sé stessa, senza risparmiarsi, e anche se ne pago lo scotto sempre, sono felice lo stesso, perché le altre persone hanno “esistenze di plastica” (come diceva Horst). L’amore e l’amicizia sono al primo posto nella mia vita, eros e agape, entrambe hanno la stessa importanza in maniera diversa. 🙂

    • Un pochino lo è, vuole l’altro tutto per sè, si allarma se vede l’altro/altra che esce dal cerchio magico del loro mondo. Si adombra se vede che il partner si distrae un pò senza di lui. C’è gelosia nell’amore, timore che qualcuno citolga la persona amata, nell’amore c’è anche possesso. Saper superare i lati negativi richiede molto impegno e molte energie. In amore a volte si mente all’altro per non deluderlo e non perderlo.
      In amicizia si è felici per l’amico che è felice anche lontano da noi, non si è gelosi delle persone che frequenta e si può arrivare anche a litigarci se serve a metterlo in guardia da una situazione critica, anche se questo può comportare l’allontanamento da noi, anche se questo ci dispiace.
      Nessuno è così privo di amici da non avere un amico abbastanza sincero da dirgli delle verità spiacevoli.
      Inoltre bisogna tener conto del fatto che il tempo, che rafforza le amicizie, indebolisce l’amore.

      • uuuuuuuuuuuuuuuèèèèèèèèèèè… però con gli amici dividiamo le cose migliori, le pizze mica le puzze, le cilecche in amore, i bigodini, gli sbadigli, la spesa da pagare e le noie… he! cene, cine, e telefonate ogni tanto raccontandosi di quanto si è sboroni oppure vittime del mondo intero, troppo semplice così, è come il papà che vede il figlio solo nel we!!!! gli amici vincono a mani basse per il semplice fatto che non ci conoscono così bene nell’intimità!!!!! 😀

  3. sì ma “offende” perché? che necessità c’è di “offendere” un amico? che urti la sensibilità è ben diverso, ma “offendere” significa mancare di rispetto, a volte i miei amici hanno detto cose forti e sulle quali abbiamo discusso oppure hanno manifestato le loro opinioni senza peli sulla lingua, non ricordo che mi abbiano mai offeso.

    • Sì, dovrebbe essere così in linea di massima, ma in pratica poi succede che spesso tra urtare la sensibilità e offendere non corre una gran differenza, per cui il soggetto si ritiene comunque offeso e se ne va senza aver voglia di discutere. Diciamo che tutto dipende da quanto è alta la sua soglia di percezione all’offesa.

  4. p.s. fra l’altro qui a Firenze hanno un modo simpatico per mandarsi a “cahare” e il giorno dopo ritrovarsi allo stesso bar a prendere il caffè insieme sfanculandosi di nuovo, io quando sono arrivata dall’Emilia-Romagna manco ci credevo, io nelle nebbiose terre ravennati ho preso le botte per avere mandato a culo alcuni ragazzi, da noi la gente quando si manda lo fa con pesantezza e da noi (che siamo polemici perché di origine gallica) le parole vengono soppesate in un altro modo… 😀

    • è la parlata toscana che rende tutto più leggero e spensierato, hai ragione, noi siamo più grevi; non per questo però ce la prendiamo più di tanto per un vaffan….detto in un certo momento la sera prima. Il giorno dopo possiamo benissimo dialogare serenamente senza strascichi per quel vaffanculo. Anche in questo caso bisogna fare dei distinguo, non siamo fatti tutti allo stesso modo.

      • Senti, sinceramente mi stai annoiando, lascio che siano gli altri a capire chi è il “permaloso” qui, passo e chiudo. ANZI, VISTO CHE TI FA COSI’ PIACERE, MI MANDO A CAGARE DA ME.

  5. aggiungo a quanto detto sopra, che mandare a caGare o a caHare non è la stessa cosa, la differenza sta nella G che è greve, pesante, sa di allevamenti di suini, di tortellini, di puFFa di zuccherifici, di terra umida con le zolle che ti si attaccano alle scarpe (ho fatto anche i lavori in campagna e lo so), di ex paludi e di divertimentifici, mia madre che è romagnola dice che i romagnoli ti sono “amici a metà”, la simpatia a volte è solo una maschera “il romagnolo e l’emiliano sono nell’immaginario collettivo persone BUONE” (però ho trovato persone magnifiche)… la H ha un altro suono, sa di aria, sa di passaggio in questa esistenza che non durerà, sa di fretta o di filosofia o di sfavato, è un’altra terra, secca, magari brusca e sgarbata, però sincera, dove l’amicizia te la fanno sudare sangue ma dura una vita, sì forse il toscano è più diretto ma lo preferisco in linea di massima… 😀 scusa per le digressioni scherzose ma autentiche, ora torno al lavoro, è che la vicinanza con l’Accademia della Crusca pone delle domande che però, esposte da me, sarebbero migliori per il Vernacoliere.

    …no, in moderazione mi hanno avvisato un bacio è troppo…

    • sì sì hai ragione, non posso che confermare, adoro i toscani e la Toscana, ci vado appena posso e ho tanti amici là, anche perchè mio marito, nato e vissuto a Monghidoro, era sempre più in Toscana che in Emilia e la sua “cricca” di amici è tutta toscana. Non posso che parlare bene dei toscani, persino il nostro macellaio è toscano, senese per la precisione. Non mi fido dei macellai di queste parti.
      Comunque i fetenti e le brave persone si trovano a tutte le latitudini..

  6. solo un abbraccio e un pensiero dolcissimo per te!
    moni

  7. MONIIIII… mi viene da piangere… 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...