Archivi tag: cioccolato

LIBERARSI DALLA NECESSITA’ DELLE DIETE

Non sono una professionista dell’alimentazione, la mia esperienza è piuttosto quella di una persona molto sensuale (ovvero coi sensi molto sviluppati), che ha cercato di mettersi in discussione e di cambiare in meglio la propria vita a cominciare dalle abitudini quotidiane. Vedo la “dieta” come una penitenza religiosa, che ci monda dai peccati della gola. Una volta si andava dal prete, ora dal naturopata, ma la sostanza non cambia. In realtà le diete sono una sorta di espiazione, perché il cibo viene percepito non per ciò che semplicemente è, ma per il significato che gli viene dato e per il rapporto negativo che la maggior parte della gente ha con il proprio corpo. Il mio rapporto con il cibo è godurioso. Non ho detto che amo mangiare, ho solo detto che amo ciò che mangio, e in effetti è proprio questa la faccenda. Credo che non sia una differenza da poco. Essendo molto versatile, sono passata da un modo compulsivo di alimentarmi a un’alimentazione sana, cucinata, molto variata, molto ricca, ma di quantità modesta. Il motivo che mi ha portato a scoprire un modo più bello di mangiare risiede in un lunghissimo e faticoso lavoro su me stessa. In pratica ho capito che non stavo per niente gustando ciò che mangiavo, ma mi lasciavo cannibalizzare dal cibo. Mi sono accorta che i sapori che mi procuravano attrazione erano falsati da additivi alimentari e grassi idrogenati, rendevano il cibo irresistibile ma in realtà del tutto insipido, uno stupido riempitivo molto semplice da capire per lo stomaco ma assolutamente inadeguato per la testa. Ho buttato la mayonese industriale e tante altre cose, ho cominciato cucinare prima di tutto (anziché accettare passivamente il cibo “da fame chimica” prodotto in serie), ho iniziato a sostituire gradualmente lo zucchero raffinato con quello di canna integrale, il sale bianco con quello integrale grezzo, il pane bianco con quello integrale e coi semi. Sono diventata più critica riguardo al cibo, ma anche più sperimentale. Vado a fare la spesa a stomaco pieno, per evitare di stipare il carrello in modo compulsivo. Fare la spesa con me è abbastanza divertente, perché commento ad alta voce i prodotti, spesso li ripongo negli scaffali dopo averli esaminati, dicendo: “bocciato”. Non mi lascio condizionare dalla pubblicità, ma dai miei gusti personali o da cose che condivido con amici, la voglia ad esempio di provare una nuova ricetta, una salsa fatta in casa, un abbinamento carino. In natura esistono miliardi di sapori (risultato anche degli abbinamenti) talmente gustosi che vale la pena di provare. Senza esagerare.

IMG_1597

Non è indispensabile mangiare due foglie di lattuga per fare una sana alimentazione, le insalate sono buonissime arricchite con erbe di campo, olive, pomodori, frutta secca e tante altre cose, si possono usare anche certi fiori. Come snack si possono sgranocchiare mandorle, uvetta, bacche di goji. Assaporare un thè verde con il succo del lime, oppure andare giù di centrifughe (e qui si apre un mondo). La cioccolata può assumere un posto d’onore nelle nostre tavole, specialmente se abbinata a spezie, peperoncino, arance, ribes rosso. La grande fortuna è che oggi possiamo coltivare orti, preferire il cibo a km. zero ma avere a disposizione anche prodotti di altre regioni e nazioni; la varietà di cibo è talmente grande che se è giusto comunque contenersi sulla quantità, è assolutamente stupido mortificarsi sul sapore. E’ proprio questo il succo del discorso: la dieta che è imposta da altri (alla fine, per quanto la si voglia raccontare, il “piacersi” non è mai una storia così personale, è sempre il frutto di un condizionamento poiché sono gli altri a tenere in “ostaggio” la tua immagine); la dieta dicevo, viene percepita come una mortificazione. Le parole d’ordine di una dieta sono: attenzione! così come sei non vai bene, devi restringere il tuo corpo, devi ottenere risultati velocemente. In un regime alimentare non puoi mangiare a seconda dei tuoi ritmi ma di una tabella impersonale che ricorda per certi versi i tempi di produzione della fabbrica, ma soprattutto non puoi godere del cibo, non puoi amarlo voluttuosamente, devi privarti anche dei sapori, questo è l’aspetto massimo della penitenza, e poi devi dimostrare al mondo intero che hai volontà e carattere, che “ce l’hai fatta”, e così giudicandoti per il tuo aspetto esteriore (ovvero la magrezza conquistata a suon di sacrifici) gli altri ti alzeranno il punteggio. Le mie parole d’ordine invece sono: me ne frego dei punteggi, voglio liberarmi dalle diete, voglio essere me stessa anche a costo di contraddirmi, voglio fare le cose che mi piacciono, non solo mangiare ma anche muovermi, curare me stessa, creare bellezza con il mio lavoro, e perché no dormire. Voglio ricavare piacere dalle cose che mi circondano e dalle relazioni affettive, professionali e sociali, ma non avere la pretesa di piacere a tutti. Sono convinta che se ci rendiamo indipendenti dagli altri calerà anche la nostra dipendenza dal cibo… 😉

Piedi Pralina

cioccolato fondente col peperoncino

ululato da Pralina alle ore 12:47 mercoledì, 28 febbraio 2007  

Ragazzi, perfavore non passatemi più catene di sant’antonio, io sono una di cuore, mi dispiace deludere le vostre aspettative, risponderò ai dolcissimi Mauro e Tear che hanno proposto un test culinario, trasformandolo in un post, sul mio rapporto con la gastronomia… beh, è solo un assaggio… nulla di che… è talmente vasto l’argomento…
Però mi ricordo che i momenti più belli della mia vita gastronomica, li ho trascorsi in piena libertà, quando nessuno degli adulti riusciva a convincermi a mangiare tale pietanza o tal altra, seppure condite delle migliori intenzioni (degli adulti).
Ad esempio da bambina, una delle cose che mi faceva sbroccare, era di potermi ungere la bazza (mento in fiorentino) a piacere, di trangugiare bicchieri di aceto, vino anche (quel poco concesso quando andavamo in campagna), panna spray direttamente dal barattolo, di mangiare le patate lesse con le mani, di potermi “sbrodolare” con il sugo di pomodoro, di dare libero sfogo insomma alle mie perversioni orali. Lo so, che ai compleanni ero la “guastafeste” che toccava sempre le torte con le dita, per poi leccarsele con voluttà nemmeno tanto di nascosto… lo so, che ho rovinato più di un Natale tradizionale in famiglia scavando tunnel nei panettoni per mangiare soltanto l’uvetta passa, e rifiutando poi il resto del panettone, ma che ci posso fare.
In più, il fatto d’essere stata una bambina, non facilitava le cose: coi maschietti si è più indulgenti, loro sono più scalmanati, hanno diritto ad esserlo. Noi femmine dobbiamo “contenerci” in tutte le nostre espressioni specialmente in quelle di piacere, così è stabilito dalla cultura-prigione nella quale ci troviamo. Così per me l’educazione alle posate, e alla “compostezza” a tavola, è stata la cosa più dura.
Ora che ho un’età per così dire matura (ahahahahaha!) mia madre quando mi invita a pranzo, mi chiede di mettermi il “bavagliolo” (in romagnolo il fazzoletto per non sporcarsi) come si fa coi nonni dell’ospizio. La poveretta resta in apprensione fino al dessert.
Inutile dire che con il cibo ho un ottimo rapporto, le foto lo dimostrano, ma ottimo nel senso che mangio solo quello che desidero e non mi sento assolutamente in colpa di quello che ho mangiato. Quando decido di stare a dieta lo faccio, senza proroghe o scusanti. Sia che decida una cosa o l’altra, mangiare oppure no, non mi martello di sensi di colpa. Questo mi mette al riparo dal cibo “spazzatura” e da altri tipi di autolesionismo alimentare (Macdonald’s, patatine fritte dei sacchetti, merendine, bevande gassate, chewingum e altre porcherie) e dai surrogati dietetici, tipo Dietor WW o peggio che andar di notte coke light, aspartame e delinquame vario cancerogeno. Del resto non fumo, bevo pochissimo (solo vino buono) e ho rimasto tutte le papille gustative intatte. Ma non sono nemmeno una che si è votata al sacrificio estremo. Insomma, io mi voglio bene a tavola. Non vedo perché no.
Mi dicono che sono rotondetta e suppongono che soffra per questo. Io soffro soltanto per i pregiudizi degli altri, casomai, quando mi dicono cosa dovrei fare o cosa sarebbe bene che facessi per me stessa. Ma poi c’è l’altra faccia della medaglia e chi disprezza, vorrebbe avere le rotondità che ho io. Le donne parlano sempre di dieta e poi ti dicono che però vorrebbero avere le tette. Gli uomini guardano le modelle e vanno a letto con le donne normali. Meglio ancora se in carne. E allora mi dico che viviamo in un mondo schizofrenico sul rapporto con il piacere. Ma il senso di colpa non può cambiare nulla di ciò che siamo.
E di sicuro, non mi metterò la coscienza a posto se dico che al posto della Nutella uso il cioccolato (e pure il caffè) equo e solidale, ma quantomeno è la cosa migliore per il mio gusto. Preferisco l’olio extravergine d’oliva con spremitura a freddo a quello fatto diversamente, la pasta biologica della cooperativa a quella di una marca famosa, le uova d’allevamento a terra a quelle di batteria, lo zucchero di canna a quello raffinato, le marmellate fatte in casa a quelle industriali, e così il latte (meglio bio) e un sacco di altre cose, fino alla decisione di utilizzare il minimo del sale, perché rovina il sapore di un bel piatto d’insalata o di pomodori crudi… ma le rare volte che mi fermo a comprare un gelato, naturalmente artigianale (a proposito il mio gusto preferito è cioccolato fondente col peperoncino, in alternativa crema pasticcera al limone), aderisco a questa decisione come la mia lingua può aderire al gelato, cioé in un modo totale, libidinoso e assolutamente imbarazzante per chiunque decida di venire a mangiare il gelato con me.
Sì perché per me il gelato è una di quelle cose, di quegli ambiti “sacri”, magici, fiabeschi, dove ritorno bambina e mi ripenso mentre facevo sculture con la lingua (avete presente i pinnacoli e le guglie?) al gelato al limone, assorbita al 100% da quell’atmosfera tutta  mia.
Oggi se mangio il gelato voglio poter mostrare la gioia degli occhi e della lingua, e non sentirmi ipocrita nel farlo in modo colpevole, falsamente disgustato, ovvero compiacente delle fobie degli altri (come ahimé spesso succede a molte di noi).
Insomma, non so se il mio rapporto con il cibo sia veramente equilibrato, non so nemmeno se inseguire questo “equilibrio” sia il massimo… io inseguo il MIO equilibrio fra il rispetto della mia salute e la mia infinita libidine, ed è il massimo che possa fare.