Archivi tag: libertà

OGGI SAREBBE IL COMPLEANNO DI HORST… UN PENSIERO DI SPERANZA E DI LOTTA PER IL MONDO NUOVO CHE LUI AVREBBE VOLUTO


Ma «crisi» non ha necessariamente questo significato. Non comporta necessariamente una corsa precipitosa verso l’escalation del controllo. Può invece indicare l’attimo della scelta, quel momento meraviglioso in cui la gente all’improvviso si rende conto delle gabbie nelle quali si è rinchiusa e della possibilità di vivere in maniera diversa. Ed è questa la crisi, nel senso appunto di scelta, di fronte alla quale si trova oggi il mondo intero.

[Ivan Illich]

 

LfYjdWQtK0CF3lwSZTEgfA

2 – 3 – 4 novembre presentazioni dello statuto dei gabbiani in lombardia

Milano, Bergamo, Arcore.  Presentazioni libro di Horst Fantazzini

556348_373387796083733_160407443_n

VENERDÌ 2 NOVEMBRE 2012
ore 20.00

Milano, Libreria Calusca via Conchetta 18 (zona Navigli)

Aperitivo benefit per l’Archivio Primo Moroni

a seguire
presentazione di
Horst Fantazzini. Lo statuto dei gabbiani. Da ‘Ormai è fatta!’ alle poesie. Vita e opere del bandito gentile (Milieu, Milano, 2012)

* nella foto: Pralina con Arnaldo Gesmundo, detto Jess il Bandito della storica rapina di via Osoppo a Milano, 1958

4D246031-A869-470B-9393-6811FB33873F

SABATO 3 NOVEMBRE 2012
dalle ore 18.00

Bergamo

Circolo Underground Spazio Anarchico
Via Furietti, 12/b (Bg) 24126 Bergamo (Malpensata)
ore 18 presentazione del libro con la curatrice, ore 20 cena vegana
proiezione del DVD con le opere di arte postale
“Bandito in bicicletta” 108 artisti di tutto il mondo ricordano Horst Fantazzini

***

DOMENICA 4 NOVEMBRE 2012
dalle ore 16.00

Arcore (Milano)

Circolo ARCI Blob, Via Casati 31, Arcore
dalle ore 16 aperitivo e presentazione del libro con l’autrice e Sabatino Catapano; proiezione del DVD con la mostra di arte postale “Bandito in bicicletta”

Nella sua vita avventurosa Horst Fantazzini ha svaligiato le banche di mezza Europa senza mai smettere di lottare per la giustizia e l’uguaglianza sociale. Protagonista nel 1973 di un clamoroso tentativo di evasione dal carcere di Fossano, lo narrò in Ormai è fatta!. Questo nuovo libro è un omaggio a Fantazzini a più di dieci anni dalla sua morte, avvenuta a Bologna nel 2001 dopo l’arresto seguìto a un’ultima tentata rapina in bicicletta.

una piccola storia ignobile

* per non dimenticare mai di difendere una conquista che ci sembra scontata, ma che periodicamente viene minacciata dalla parte più retriva del paese…

ululato da Pralina alle ore 08:38 giovedì, 16 marzo 2006

dal blog  lacolf  
 

Lei aveva 16 anni, e la voglia di perdere la verginità l’aveva portata a fare un errore, un errore di valutazione del proprio corpo ancora non del tutto divenuto quello di una donna, così si ritrovò con una creatura che cresceva dentro di lei. 16 anni e una sola possibilità: l’aborto clandestino. Si perchè questa storia avviene nel ’78, quando la legge sull’interruzione volontaria negli ospedali ancora non era stata approvata. Precisamente due mesi prima che divenisse legge. 

Come si procedeva? Il consultorio familiare mandava da un’associazione di volontari, non medici, nè infermieri, che non sto neanche a nominare… lì, veniva spiegato cosa e dove sarebbe stato straziato il tuo corpo, generalmente abitazioni private nelle quali si entrava di nascosto, a piccoli intervalli per non dare nell’occhio. Il metodo usato era quello dell’aspirazione del feto, senza anestesia, su un tavolo, senza che nessuno ti tenesse la mano… i tuoi accompagnatori dovevano rigorosamente stare in un’altra stanza, anche se avevi 16 anni, eri spaventata a morte e sentivi il tuo corpo devastato. Poi ti alzavi e vedevi in una bacinella gli avanzi di tuo figlio e sentivi tirare la catena del bagno. Questi i fatti nudi e crudi.

Quello che passava nella mente di lei è tutta un’altra storia, una decisione difficile da prendere a quell’età, tremenda e lacerante per molto tempo.

Questo per ricordare a tutti che la legge sull’aborto non deve essere toccata, è stata una conquista pagata da molte donne con il rischio della setticemia e della sterilità, rischio che ha corso anche lei, con 39° gradi di febbre dopo due giorni, con crampi al ventre che non la facevano stare in piedi. Non dimentichiamo, mai.